Il Lido San Domenico è un piccolo stabilimento balneare sul lago di Lugano nel quartiere di Castagnola, situato all’inizio del Sentiero dell’Olivo. L’ingresso al lido si affaccia in una piazzetta alberata, il lido e la piazzetta si trovano a una quota inferiore rispetto al sentiero (-1.10 m). Prima dell’intervento erano collegati da una rampa con una pendenza del 19% e una scala. La vista del lago era oscurata dalla vegetazione esistente.

Il progetto propone una riqualifica dello spazio esterno e la sistemazione dell’accessibilità alle persone con disabilità, trasformando l’intero spazio in “disability friendly”.

La piazzetta d’accesso al lido è stata ridisegnata attraverso un gioco di colori, materiali e curve. Il nuovo accesso avviene tramite una rampa con una pendenza del 6%, la rampa si apre verso il paesaggio lacustre e indirizza lo sguardo del visitatore verso diversi scorci e vedute. A lato della rampa è stato costruito un sistema di gradoni in Calcare di Moltrasio (Sasso di Caprino) sui quali è possibile sedersi è ammirare il paesaggio.

Al centro della piazzetta è disegnata una grande aiuola dalla forma sinuosa dentro la quale sono messi a dimora tre diversi alberi, un Fraxinus ornus, un Morus alba ‘Fruitless’ e un Phoenix canariensis. All’ombra degli alberi sono messe a dimora “macchie” di essenze diverse, una di perenni mediterranee (Perovskia atripicifolia, Phlomis fruticosa, Lavandula angustifolia ‘Hidecote Blue’, Rosmarinus officinalis, Cistus salviifolius, Myrtus communis ‘Tarentina’, Sedum telephium), una di Agapanthus africanus e una di Thulbagia violacea. Tutta la pavimentazione è realizzata con pietra di riuso proveniente dal deposito della Città di Lugano, posata a strisce con colori alternati.

Dalla piazzetta si accede al Lido San Domenico, il progetto prevede la continuazione della pavimentazione della piazzetta anche all’interno del lido, con la costruzione di un percorso pavimentato in pietra pregiata che collega l’ingresso del lido, il dehors, gli spogliatoi, le docce esterne, fino al sistema di discesa in acqua per persone con disabilità, che avviene con l’ausilio di un montascale e un sollevatore idraulico. Il sistema di discesa a lago si trova all’estremità del lido, la banchina esistente rivestita con assi di legno è stata pavimentata con grandi lastre in pietra di recupero sulle quali è stato installato il sollevatore idraulico. Le scale che collegano la quota del lido a quella della banchina sono state pavimentate con dadi di porfido di Cuasso al Monte e attrezzate con un montascale.

All’interno dei locali spogliatoi sono stati realizzati due bagni per disabili. Le docce esterne esistenti sono state modificate per essere fruibili dagli utenti disabili, è stata demolita la vasca che fungeva da piatto doccia e sostituita da una pavimentazione complanare in pietra, inoltre è stato realizzato un nuovo punto acqua con seggiolino. Il rivestimento in piastrelle bianco nere che decora la parete è stato ricostruito con un disegno affine a quello preesistente.

L’area dehors si trovava a una quota superiore rispetto a quella dell’ingresso e rivestito con mattonelle in cemento, con il nuovo intervento è stata rimossa la pavimentazione esistente e abbassata la quota di calpestio portandola alla quota dell’ingresso, la nuova pavimentazione è stata realizzata integrando i tavolini esistenti.

Dettagli progetto

Progettazione: Enrico Sassi Architetto
Luogo: Castagnola, Lugano, Svizzera
Tipologia: Lido, spazio pubblico
Realizzazione: 2020-2023
Committente: Città di Lugano – DSU Spazi Pubblici
Direzione lavori: Enrico Sassi Architetto, DSU Spazi Pubblici
Collaboratori: Irene Lucca
Ingegnere civile: Ingegneri Pedrazzini Guidotti Sagl
Consulenza accessibilità: Centro di Competenza Design for All – Inclusione Andicap Ticino
Perizia sostanze nocive: Econs SA
Impresa di costruzioni: LS Pavimentazioni SA
Opere di pavimentazione: LS Pavimentazioni SA
Materiale Pavimentazione (riuso): Città di Lugano – DSU Scalpellini
Impresa rimozione sostanze nocive: Sitaf SA
Elettricista: 2M Elettro-impianti Sagl
Idraulico: Idrosolution Sagl
Fornitura sollevatore idraulico: Nosag AG
Fornitura montascale: Neolab
Fabbro: Bernasconi Renato SA
Falegname porte: Falegnameria Forni SA
Falegname palchetto: CS Legnami SA
Pittore: Cap Color Sagl
Verde lido: Associazione Fioriselvatici – Christian Pellanda
Verde piazzetta: Città di Lugano – DSU Verde Pubblico
Impianto irrigazione: L’Irrigazione Sagl
Trasporti voli elicottero: Eliticino Tarmac SA
Crediti fotografici: © Marcelo Villada Ortiz, Viola Barberis – Atelier Mattei (Inclusione Andicap Ticino)

Enrico Sassi Architetto

Enrico Sassi Architetto

Laureato presso l’Università IUAV di Venezia (1993). Svolge attività professionale e didattica. Già coordinatore del “Laboratorio Ticino” USI Academia di architettura, Mendrisio. Già docente di “Progetto Urbano” presso l’Accademia di architettura di Mendrisio; è stato redattore della rivista svizzera di architettura e urbanistica “archi”, organo ufficiale SIA, OTIA. Dal 2012 è titolare dello studio di architettura “enrico sassi architetto sagl” a Lugano.